Recensione “La Bambina” di Nini’ Moran

La Bambina

Cover

Identikit

Titolo: La Bambina

Autore: Nini’ Moran

Genere: Erotico

E-Book: My Book

Trama

In un appartamento in via Boiardo a Milano, vivono cinque studentesse che hanno fatto del sesso online la loro principale fonte di guadagno. Maria è stata invitata, per il suo aspetto da bambina, a vivere con loro e alle loro condizioni. La Bambina verrà catapultata in un vortice di emozioni erotiche e amorose assaporando attimi di pura perversione. Camilla, ragazza con una brutta esperienza alle spalle, deciderà di salvarla portando così in vita i demoni del suo passato. Questo Thriller Hard Noir vi coinvolgerà a tal punto da farvi invidiare situazioni che, forse, esistono solo all’interno dei vostri sogni.

Recensione

Osare questa è la prima cosa che ho pensato appena ho finito di leggere. Se da un lato è positivo perchè l’autrice ha (giustamente) nessuno scrupolo a rappresentare una cruda realtà sessuale, che può disturbare i ben pensanti, ed è realmente presente, da un lato è negativo, almeno per me, ma per un motivo che spiegherò più avanti.

I temi sicuramente forti restringono la cerchia di lettori e la trama semplice ma con un bell’intreccio permette anche di aggrapparsi alle due diverse storie delle due ragazze che  dipendendo l’una dall’altra, in una buona tecnica narrativa che mantiene viva l’attenzione su entrambi i personaggi.

Per quanto lo abbia apprezzato e lo consigli per gli amanti del genere ho un paio di dubbi che non riesco a togliermi dalla testa e spero con questo mio povero contributo di aiutare l’autrice ^^

Prima di tutto parto da una considerazione puramente soggettiva. Non amo molto il linguaggio spinto (e non perchè volgare) ma perchè secondo me toglie liricità e connota negativamente qualcosa come il sesso di cui non bisogna vergognarsi nè bisogna demonizzarlo (nè angelizzarlo). Avrei tanto amato se nelle scene ci fosse stata una tensione più curata nel descrivere le scene (e non perchè non siano già descritte ma per darle quella poeticità e quella bellezza). Non devono avere per forza il lato romantico, la passionalità può rimanere sessuale eppure secondo me la potenza di una buona parola potrebbe davvero cambiare il risultato e modellare questo mondo sotto le proprie mani, dandone un nuovo volto. Le descrizioni cambiano il genere da erotico a porno e per quanto non abbia nulla in contrario a questo genere, io mi sarei aspettata un erotico.

La poca introspezione ha avuto anche un risvolto. I temi trattati sono pesanti, davvero pesanti e bisogna scavarli, esaminarli e renderli reali. La violenza, la pedofilia, gli stalker o l’autolesionismo sono temi pesanti e quasi tutti i giorni mi capita di leggere testimonianze allucinanti. Avrei preferito in questo caso una profondità maggiore, una piccola scintilla che aiutasse a comprendere ancora di più le cause e gli effetti di questi eccessi. C’è più della base ma proprio perchè mi fido dell’autrice la sprono a voler approfondire, indagare e pervenire alla profondità dell’animo umano.

Ci viene messa davanti una società infranta, perbenista ma al contempo desiderosa di piacere morboso. Perchè diventa morboso nel momento in cui si considera proibito e diventa l’unico motivo dei nostri pensieri. Anche in questo non sono completamente d’accordo. Non mi piace pensare a un mondo senza romanticismo ma guidato solo dalla passionalità.

Inoltre, e questo è il mio vero dubbio, avrei preferito che Camilla fosse “spiegata” meglio. Mi spiego. Una donna non diventa lesbica per delle violenze da parte dell’altro sesso. Può esserne spaventata, guardinga, traumatizzata ma non è questo che fa di lei una lesbica.  Questo punto secondo me andava approfondito maggiormente ^^ sarebbe stato inoltre molto interessante vedere un introspezione tutta particolare nel suo essere quello che diventerà.

Lo stile è semplice e immediato. In alcuni punti avrei preferito che fosse un pochino più articolato (anche negli stessi dialoghi di sesso si potevano aggiungere più descrizione e più pathos nella voce per caratterizzare meglio il momento). Ho notato alcuni errori ma nulla di grave.

Consigliato ^^

Annunci

2 thoughts on “Recensione “La Bambina” di Nini’ Moran

  1. Tutti i tuoi dubbi sono leciti e ti ringrazio per i suggerimenti. Ne farò tesoro. Il mio libro è crudo e si spinge al limite del porno, è vero (non posso darti torto, ma anche voluto. Lo so che questo stringe la cerchia di lettori, ma il sesso senza amore io lo descrivo così. Per quanto riguarda Camilla non do spiegazioni perché non ci sono! Una ragazza nasce lesbica, non ci diventa e non dice mai (nel libro)che è così per colpa del prete (cosa invece che la spinge all’autolesionismo), ma solo che odia gli uomini. Ti ringrazio tantissimo per essere stata sincera e per avermi dedicato tempo. Un abbraccio. (Nini’ )

    Liked by 1 persona

    1. Se è voluto non ho nulla in contrario ^^ E’ solo che avendo letto erotico avevo un’altra idea in mente e mi sembrava giusto riferirlo ^^
      Quella di Camilla anche è stata una precisazione perchè da qualche frase si poteva intendere male la scelta del suo orientamento sessuale ^^
      Grazie a te per avermi dato la possibilità di leggerti, un abbraccio e a presto!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...