Recensione “Il Casale dei Ricordi” di Federica Squillace

Il Casale dei Ricordi

Il casale dei ricordi

Identikit

Titolo: Il Casale dei Ricordi

Autore: Federica Squillace

Genere: Narrativa, Sentimentale

E-Book: Amazon

Trama

Vittoria sembra avere una vita come tante altre. Orfana di padre sin dalla nascita e di madre da una decina d’anni, la sua unica famiglia è rappresentata dalla zia e dalla migliore amica, Jessica. Comprando un antico casale a un’asta, per farlo diventare un hotel, inizia però a scoprire qualcosa di strano. Alessandro, il cameriere dell’albergo in cui dimora, si professa suo difensore, affermando non solo che lei è in pericolo ma che conosce anche il suo passato e … suo padre.

Recensione

Un racconto in cui sicuramente non mancano né mistero né amore. E’ la storia di una vita di routine, di una vita in cui la protagonista vorrebbe esaudire i propri desideri ed è piacevolmente schiava del lavoro che ama, ma non le da la possibilità di manifestare il suo animo dolce e desideroso di affetto per la mancanza della madre e del padre. Un viaggio e un’asta, qualcosa di naturale per lei che presto cambia rotta dopo l’incontro con Alessandro, un giovane avvenente cameriere e l’ombra di un misterioso passato che non le vuole lasciare respiro.

Mi è piaciuto come è scritto il tutto, a parte qualche errore di battitura è tutto semplice, scorrevole e immediato. Le frasi fanno entrare nell’atmosfera e calare perfettamente nella narrazione e negli stati d’animo che l’autrice vuole rappresentare. Ammetto però che alcune frasi, soprattutto descrizioni d’amore (esempio gli occhi) erano dei motivi rincorrenti e se fino a un certo punto li ho amati dopo un po’ li ho trovati leggermente ripetitivi.

Purtroppo mi ritrovo a fare una critica soprattutto per quanto riguarda la parte romantica della storia. Mi sono piaciuti dei significati, come cosa ha significato per la protagonista l’amore, ma non mi ha convinta per diversi motivi puramente personali. Per quanto non sia un’amore a prima vista, ho trovato l’attaccamento di lui molto morboso  e il fatto di vederlo che già la ammirava e amava è stato secondo me un problema. Non sono riuscita mai a visualizzarli come coppia (se non nella parte del complotto), non mi sono mai sentita emotivamente coinvolta ma sempre un po’ distaccata, come se l’amore che il co-protagonista ha nutrito da ragazzo mi rimanesse oscuro e non mi riuscissi a giustificare il suo forte sentimento, soprattutto in un’età così precoce. Ho apprezzato meno delle frasi che avrei potuto amare molto di più, classificandole come sdolcinate, senza che riuscissi a comprenderle appieno. E’ anche vero che ne hanno passate tante insieme per giungere a quell’amore che professano ma manca un qualcosa che mi abbia fatto appassionare e perdere la testa per la loro vicenda. Mi pare di averla letta con una nota di freddo distacco, interessata sì, ma non del tutto coinvolta e annullata da una che poteva essere una stupenda storia d’amore. Li ho iniziati ad apprezzare nell’ultima parte, nel complotto e nel finale in cui l’autrice ci regala una scena bellissima ma per il resto ho letto la loro storia con una partecipazione che poteva essere maggiore.

Il mistero è molto interessante, prende molto, era semplice da svelare. Non per questo è meno interessante, coinvolgente e scontato. L’autrice ti avvolge in quella spirale di passato che non si spezza. Se spesso ci troviamo davanti a protagonisti che conoscono il loro passato e tentano di metterlo a tacere, qui ci ritroviamo l’esatto contrario. La protagonista è dilaniata da un passato che non conosce ed è vittima di azioni che non può nemmeno ricordare. Combatte con se stessa tra il voler apprendere e rimanere nell’ignoranza, perché inconsciamente sa che conoscere è un bene terribile e potrebbe pentirsene, quando lo stato delle cose le permetterebbe una vita felice, senza problemi. Ma non si può ignorare il passato, che continua a bussare alla porta e che condiziona così tanto il nostro carattere e modi di essere che altrimenti non sapremo spiegarci.

Consigliato, soprattutto se volete una storia ben scritta, piacevole alla riscoperta di un passato perduto e dell’amore riconquistato. Se volete leggere la storia di una donna che ha deciso di non essere più sottoposta al destino ma di prendere in mano la propria volontà e attraverso il passato appropriarsi del futuro, ve lo consiglio caldamente.

Annunci

7 thoughts on “Recensione “Il Casale dei Ricordi” di Federica Squillace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...