Analisi su “L’Alchimista” di Paulo Coelho

L’Alchimista

Copertina de La nave di Teseo de “L’alchimista” di Paulo Coelho

Scheda

Titolo: L’Alchimista

Titolo originale: O Alquimista

Autore: Paulo Coelho

1° edizione: 1988

Paese d’origine: Brasile

Lingua originale: Portoghese

Genere: Romanzo di Formazione, Avventura

Quarta di Copertina

Impara ad ascoltare il tuo cuore: è l’insegnamento che scaturisce da questa favola spirituale e magica. Alle frontiere tra il racconto da mille e una notte e l’apologo sapienziale, “L’alchimista” è la storia di una iniziazione. Ne è protagonista Santiago, un giovane pastorello andaluso il quale, alla ricerca di un tesoro sognato, intraprende quel viaggio avventuroso, insieme reale e simbolico, che al di là dello stretto di Gibilterra e attraverso tutto il deserto nordafricano lo porterà fino all’Egitto delle piramidi. E sarà proprio durante il viaggio che il giovane, grazie all’incontro con il vecchio alchimista, salirà tutti i gradini della scala sapienziale: nella sua progressione sulla sabbia del deserto e, insieme, nella conoscenza di sé, scoprirà l’anima del mondo, l’amore e il linguaggio universale, imparerà a parlare al sole e al vento e infine compirà la sua leggenda personale. Il miraggio, qui, non è più solo la mitica pietra filosofale dell’alchimia, ma il raggiungimento di una concordanza totale con il mondo, grazie alla comprensione di quei “segni”, di quei segreti che è possibile captare solo riscoprendo un linguaggio universale fatto di coraggio, di fiducia e di saggezza che da tempo gli uomini hanno dimenticato.

(Dalla quarta di copertina de La Nave di Teseo)

Analisi (Possibili Spoiler)

La storia è raccontata come una semplice fiaba, ha uno stile semplice ma al contempo affascinante. Santiago è un semplice pastore che si ritroverà coinvolto in una particolare avventura, incontrando personaggi che lo incitano a compiere la sua Leggenda Personale. Ma cos’è soprattutto che ha reso questo libro tanto bello? È la semplicità con cui sono espressi consigli e argomenti ma le frasi e l’intero viaggio è impregnato di una filosofia piena di allegorie che lo rendono davvero unico. So che Coelho è spesso criticato per il suo stile, ma a me non è dispiaciuto. Non per forza una cosa deve essere complessa per piacerci, alla fine è un romanzo che ha in sé un messaggio positivo per tutti.

Per quanto sia una storia semplice, è necessario carpire il significato allegorico per poter comprendere la storia. Solo così questo racconto può esserci utile per la nostra crescita personale.

Il romanzo sfrutta due componenti principali: il viaggio e il sogno.

Il viaggio è la componente avventurosa che coinvolge particolarmente il lettore in una atmosfera esotica. Il protagonista abbandonerà tutta la sua vita e la Spagna per inoltrarsi nel deserto e in una cultura a lui totalmente sconosciuta, alla ricerca delle Piramidi. Il viaggio e il lasciare tutto che ci è familiare per qualcosa di sconosciuto, fa paura. Si abbandona una vita sicura per inoltrarsi nell’ignoto, alla ricerca di una felicità che a tratti della storia appare sempre più apparente. Il percorso non è privo di insidie e di ostacoli che il pastore dovrà superare grazie alla sua determinazione e all’aiuto di altri personaggi. Quello che è importante sottolineare è che si tratta di un viaggio di crescita e di miglioramento.

Il sogno è la componente che permette di andare avanti nonostante le difficoltà. È la chiave per raggiungere l’obiettivo finale e il motivo del viaggio del pastore. Lui parte sognando un tesoro nascosto sotto le Piramidi che lo porterebbe a soddisfare la sua Leggenda Personale.

Ma cosa sono la Leggenda Personale e l’Anima del Mondo?

L’anima del mondo è alimentata dai sentimenti dell’uomo: dalla felicità, dall’odio, dall’invidia, dalla gelosia.

L’anima del mondo e la vita favoriscono il Principio Favorevole affinché ognuno realizzi la propria Leggenda Personale. La leggenda personale è ciò che ognuno vuole realizzare. Questo desiderio però è spesso ostacolato da forze misteriose che tenteranno di dimostrare l’impossibilità di realizzazione della Leggenda Personale. È una forza che sembra negativa ma dà la forza necessaria per ottenere il proprio obiettivo ultimo.

Passatemi il pensiero filosofico, ma ho pensato ad Aristotele. Precisamente alla potenzialità che compie un processo in divenire per diventare atto. Lo scenario è molto più semplificato, ma ho subito pensato a lui.

Il libro è anche corredato dai segnali” Questi segnali, se letti, aiutano a comprendere la vita e a comportarsi di conseguenza. Quando il pastore si troverà nel deserto, farà affidamento su questi segnali per capire anche l’avvento della guerra.

Ma allora chi è l’Alchimista? L’Alchimista sarà l’ultimo e il più importante personaggio che aiuterà il pastore nella riuscita del suo sogno. Qual è il potere dell’alchimista? È quello di comprendere l’anima del mondo e scoprire il tesoro che ha riservato.

Un altro personaggio molto importante, all’inizio del romanzo, è il saggio re di Salem Melchisedek. Comprende la vita del pastore, pur non conoscendolo ed è il primo a insegnarli dei segnali, dell’anima del mondo. Gli regala inoltre due pietre Urim e Tummin che aiuteranno il giovane nel suo tragitto.

La storia di base dell’Alchimista è sicuramente ispirata a storie precedenti. Basti pensare all’atmosfera delle ben conosciute Mille e una Notte, dalla storia breve di Jorge Luis Borges “La storia dei due sognatori”.

Un tema essenziale di tutto questo è quindi cercare il proprio destino. L’intera filosofia dell’Alchimista è fondata su di questo e dimostra che, quando qualcuno vuole aspirare al proprio sogno, tutto è possibile. Il New York Times proprio per questo afferma “The Alchemist is “more self-help than literature”.

Personaggi

Santiago: Il pastore protagonista di “L’Alchimista”. È nato in una piccola città dell’Andalusia e decide di viaggiare nel mondo e lascia la vita sedentaria per visitare i campi dell’Andalusia. Una notte, in una chiesa abbandonata, sogna le piramidi d’Egitto e un tesoro nascosto. Non vuole credere in queste superstizioni e non crede alla zingara che gli rivela il significato del sogno. Viene convinto da un vecchio, il re di Salem, che lo fa partire verso l’Africa.

È curioso, ha una mente aperta che lo aiuta ad adattarsi a ogni situazione e raggiungere quindi la sua Leggenda personale. Tiene moltissimo alla sua libertà.

La zingara: Santiago va da lei per chiederle il significato del suo sogno e, quando scopre che si tratta di un Tesoro, non le crede, cercando di non badare a certe superstizioni. Appare strana e pericolosa a Santiago ma, grazie anche alle parole di Melchizedek, le crede. Santiago le promette un decimo del tesoro nel caso riesca a trovarlo.

Melchizedek: Il vecchio re di Salem, un personaggio misterioso lontano dalla sua patria. È lui il primo a incoraggiare Santiago nel suo viaggio e a parlargli della leggenda personale e dell’anima del mondo. Lui appare a chiunque cerchi di attuare la propria leggenda personale. Indossa vestiti arabi e sarà solo il pettorale d’oro che porta sotto il mantello a rivelare la sua identità di re. Da questo pettorale toglie due pietre preziose: Urim e Thummin che dona a Santiago e lo aiuteranno a intraprendere il suo viaggio.

Il venditore di cristalli: Prenderà al suo servizio Santiago quando sarà derubato e si ritroverà in Africa. Santiago apprenderà da lui l’importanza dei sogni e lo aiuterà a non desistere dalla sua leggenda personale, forse perché anche lui aveva qualcosa da compiere e non lo aveva fatto per paura. È spesso pauroso a prendere dei rischi e si affeziona al ragazzo.

L’inglese: Santiago incontra l’Inglese sulla carovana che attraversa il deserto. L’inglese vuole diventare un grande alchimista e viaggia attraverso il deserto per incontrare un famoso alchimista che ha più di 200 anni e riesce a trasformare i metalli in oro. Legge molto e ha appreso moltissimi fondamenti dell’alchimia, grazie proprio ai libri. Insegna a Santiago qualcosa delle sue scoperte.

Fatima: Una bella ragazza che abita in un’oasi. Incoraggia Santiago a continuare il suo viaggio e gli insegna l’importanza dell’amore. L’amore è anche desiderio e rinuncia.

L’Alchimista: Un uomo molto potente che vive in un’oasi. Viene nominato per la prima volta dall’inglese che lo cerca per diventare suo allievo. Ma l’alchimista sceglie come suo vero discepolo Santiago ed è lui il personaggio finale e più importante dell’opera. È in possesso del segreto dell’elisir di vita eterna e della pietra filosofale. Veste di nero e usa un falcone per cacciare.

Il monaco copto: Come molti personaggi, è davvero molto fugace ad apparire nella storia ma non per questo riveste una poca importanza. L’alchimista e Santiago si fermano da lui prima di raggiungere le piramidi. Aiuterà Santiago in un momento cruciale, grazie anche alle parole misteriose dell’Alchimista.


Se vuoi sostenere il mio lavoro sul blog, fammi una donazione ❤

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

32 risposte a "Analisi su “L’Alchimista” di Paulo Coelho"

Add yours

  1. Eccomi qui! 😀 Bellissima analisi, come sempre, molto interessante questo libro. Penso proprio che lo leggerò, perché mi attira molto. Ti ringrazio per aver accolto la mia richiesta di recensire questo, sei stata molto gentile ^_^

    Piace a 1 persona

    1. Sono contenta che questo libro ti piaccia *^* personalmente mi ha colpito moltissimo e merita di essere letto 🙂 Inoltre è molto leggero e fluido quindi non richiede molta concentrazione come altri libri che ho proposto ^^
      E’ un piacere 🙂 se vuoi chiedermi qualche altra recensione fai pure, sarò felicissima di esaudire il tuo desiderio *^* Ho letto molto e quindi ogni volta per decidere cosa recensire mi perdo xD e ho letto decisamente poco rispetto a tutti i libri che esistono ò.ò quindi al massimo mi consigli un nuovo titolo che posso divorarmi xD

      Piace a 2 people

  2. Non ho mai letto nulla di Coehlo … molti mi hanno detto che ti trascina nei suoi sogni, però poi non conclude mai niente, e talvolta rischia di essere banale. Però tendono a escludere L’Alchimista da questo giudizio, trovandolo effettivamente bello. La mia migliore amica mi consigliò anche Veronika decide di morire. Certo è, questa recensione mi ha riempito di interesse e curiosità, se non altro vorrei incontrare i personaggi da te descritti, sembrano essere davvero degni di nota !

    Piace a 1 persona

    1. Io purtroppo mi ritrovo nella condizione di non poter giudicare Coelho. Ho letto solo una sua opera (questa per l’appunto) e avendomi fatto un ottima impressione non so davvero che dirti :/
      Sono dei gran bei personaggi, sfumati in un atmosfera di sogno e di favola… se ti capita leggilo è anche molto breve ^^

      Piace a 1 persona

  3. Sto seguendo molti blog che pubblicano recensioni librarie e devo dire, anche se non ne hai davvero bisogno, che la tua è una recensione splendida: invoglia davvero a leggere il libro in questione, anche per uno come me che in libreria l’aveva preso in mano e subito riappoggiato sullo scaffale, senza dargli possibilità.
    Sono felicissimo di seguirti.

    In modo estremamente umile, mi permetto di segnalarti i miei due autori preferiti di questo periodo e che certamente conosci, da grande lettrice che sei e di cui mi piacerebbe una tua opinione: Saramago e Modiano, in particolare quest’ultimo.
    Ciao e buona serata!

    Piace a 1 persona

    1. Grazie davvero tanto per il tuo commento fantastico!
      Se vuoi potrei organizzare delle recensioni su quei due autori, dovrei fare però una bella rilettura perchè non li leggo da molto ^^ Se vuoi puoi lasciarmi un titolo in particolare e appena posso farò un articolo su di loro 🙂
      Buona giornata ^^

      Piace a 1 persona

      1. Ciao, gentilssima!
        E’ un tale piacere leggere quello che scrivi e come lo scrivi, che sentire cosa avrai da dire (in un “altroquando” senza limiti di tempo) su questi due autori sarà come bersi una cioccolata calda fatta con il miglior cacao o un angel face (1/3 di Gin, 1/3 di Calvados ed 1/3 di Apricot Brandy, shakerato, non agitato, coppetta da cocktail…
        Non ti stupire per le mie metafore, ma per me il buon cibo, il buon bere e la buona letteratura scorrono su splendidi binari paralleli ed i loro passeggeri si guardano da un vagone e l’altro strizzando l’occhio… invaderei il tuo spazio per scriverti anche dell’assenza di appetito di alcuni scritti, della sete e dell’arsura di altri ed infine, del sentirsi satolli, sazi ed appagati di altri, ma non è il mio spazio, è il tuo.

        Quindi, passo agli autori ed ai libri, a tua scelta e discrezione:

        Patrick Modiano: “Rue des Boutiques Obscures (Via delle Botteghe Oscure)” e “ Pour que tu ne te perdes pas dans le quartier (Perché tu non ti perda nel quartiere)

        José Saramago: “As intermitências da morte (Le intermittenze della morte)” e “ Todos os nomes (Tutti i nomi)

        Piace a 1 persona

  4. Letto da poco insieme ad altri libri del medesimo autore trovo, solo per aggiungere qualcosa, che sia un libro fantastico e, concordo in pieno con te: da leggere. L’interpretazione del viaggio introspettivo della ricerca di sé stessi cogliendo i segnali che poi sono ciò che ci accade, le cose a cui pensiamo ed alle quali non diamo importanza, alle piccole cose dalle quali ci siamo allontanati sono solo alcuni degli aspetti che rendono estremamente interessante il libro. E poi i riferimenti a testi biblici nel re si Salem, l’arguzia necessaria e richiesta per disporre delle nozioni che generano un forte desiderio di ricerca. Insomma un libro che è come il primo motore per ciò che produce.
    …da te per la prima volta tramite amici blogger comuni.

    Un saluto e tanti complimenti!

    Uomo

    Piace a 1 persona

    1. Ciao ^^ E’ un piacere conoscerti 🙂
      Grazie per essere passato e aver lasciato questo bellissimo commento!
      E’ un libro che merita davvero molto e sono d’accordo con quello che hai detto 🙂
      Un saluto, alla prossima ^^

      "Mi piace"

      1. Ci sono opere che molti sottovalutano ed archiviano come storie per bambini, ma in realtà nascondono grandi insegnamenti…solo per fare un esempio credo che i film di Star Wars nascondano grandi insegnamenti di vita…basta ascoltare ogni frase pronunciata da Yoda… 😉

        Piace a 1 persona

  5. Credo che questo libro sia innanzitutto maschilista. Poi c’è da dire che ognuno di noi (uomo/donna) si immedesima in Santiago e questo dimostra come tutti noi siamo degli egoisti proiettati al meglio per noi stessi e alla ricerca della realizzazione della nostra Leggenda Personale. Gran concetto di libertà che ognuno vorrebbe perseguire e realizzare…ma a discapito di chi? Della povera Fatima e quindi dell’Amore che lei rappresenta. Ora se tutti noi invece ci immedesimassimo in Lei piuttosto che in Santiago, ma che insegnamento viene trasmesso da questo libro? Innamorati a prima vista di uno sconosciuto. Stai ferma ad aspettarlo perché è lui la tua leggenda personale. Spera che lui torni dal suo viaggio e che ti ami ancora. Mi pare evidente che il libro è nettamente sbilanciato…

    Che poi nella vità reale lui torna dal suo lungo viaggio e nel 90% dei casi lui è cresciuto e la poveretta no quindi non sono più sullo stesso piano e allo stesso livello di maturità e crescita pertanto si lasciano, ma questo è puramente un mio punto di vista.

    "Mi piace"

  6. Un quesito: e se Fatima non lo aspetasse? E se Fatima nel frattempo si innamora di qualcun altro? E al suo ritorno Santiago scoprisse di aver perso l’Amore? Voi magari mi rispondereste:”non era vero amore”, ma fingiamo per un secondo che lo fosse davvero.
    A questo punto ci si interrogherebbe su: è più importante realizzare i porpri sogni e poi viene l’amore o una volta perso l’Amore della tua vita ti accorgeresti che dopo tutto non era così importante il Tesoro… perché il tesoro era già Fatima…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Inizia con un blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: